Esproprio

 

"Parco della Memoria - Chieti Scalo S.r.l." è una Società di Progetto, costituita ai sensi dell'art. 156 del D.Lgs 163/2006 (Codice dei Contratti Pubblici) dalle imprese che, in promessa d'A.T.I., si sono aggiudicate la gara ad evidenza pubblica indetta dal Comune di Chieti per l'affidamento in concessione della progettazione, realizzazione e gestione del nuovo Cimitero Comunale di Chieti in località Santa Filomena - Strada Ombrosa - Chieti Scalo.
La Società, la cui esclusiva finalità è proprio la realizzazione e la gestione dell'Opera Pubblica oggetto della concessione, ai sensi dell'art. 19 della convenzione rep. n. 1378 del 11/06/2015 è stata delegata, ex art. 6, comma 8 del D.P.R. 327/2001 (testo UNico degli Espropri), dal Comune di Chieti all'esecuzione di tutte le attività inerenti la procedura espropriativa delle aree interessate alla realizzazione dell'Opera.

 

AVVISO AI PROPRIETARI DELLE AREE OGGETTO DI ESPROPRIO.

In data 9/5/2018 è stato emesso dalla Parco della Memoria - Chieti Scalo S.r.l., delegata dal Comune di Chieti all'esecuzione della procedura espropriativa, il decreto per l'occupazione di urgenza delle aree interessate alla realizzazione del nuovo Cimitero Comunale di Chieti, in località Santa Filomena - Strada Ombrosa. Il suddetto decreto, il cui contenuto e di seguito riportato, sarà recapitato alle ditte proprietarie nei prossimi giorni.

L'esecuzione del provveddimento, ai fini dell'immissione in possesso delle suddette aree, avrà luogo in data 28/05/2018 alle ore 10,00

Con il suddetto decreto sono state altresì determinate le indennità provvisorie offerte alle ditte propietarie, ai sensi dell'art. 45, comma 2, lettera d).

Decreto n. 1 del 9 maggio 2018.

Oggetto: concessione per la progettazione, realizzazione e gestione del nuovo Cimitero “Parco della Memoria – Chieti Scalo” in località Santa Filomena alla Strada Ombrosa – Chieti Scalo. Decreto di determinazione in via provvisoria dell’indennità di espropriazione e di occupazione d’urgenza preordinata all’espropriazione dei beni interessati alla realizzazione dell’Opera (ex art. 22 bis del D.P.R. 8 giugno 2001, n. 327 s.m.i.).

La scrivente, concessionaria del Comune di Chieti per la progettazione, realizzazione e gestione del nuovo Cimitero in località Santa Filomena – Strada Ombrosa - Chieti Scalo, delegata, ex art. 19 della relativa convenzione rep. 1378 del 11/06/2015, all’esecuzione della procedura espropriativa delle aree interessate alla realizzazione dell’Opera;
PREMESSO CHE
- ai sensi e per gli effetti degli artt. 11 e 16, comma 4 del D.P.R. 327/01 e s.m.i., con nota raccomandata A.R., ha provveduto a comunicare alla S.V. l’avvio del procedimento di approvazione del nuovo progetto definitivo con la conseguente reiterazione della dichiarazione di pubblica utilità e indifferibilità dell’Opera;
- con determina dirigenziale n. 178 del 01/03/2018 (Reg. determinazioni prot. n. 142 del 01/03/2018) del Responsabile del V Settore LL.PP. del Comune di Chieti, nonché Responsabile del Procedimento, è stato riapprovato il rimodulato progetto definitivo relativo alla realizzazione del nuovo Cimitero Comunale in località Santa Filomena alla strada Ombrosa – Chieti Scalo e, contestualmente, reiterata la dichiarazione di pubblica utilità dell’opera, nonché confermata l’urgenza e indifferibilità dell’Opera stessa in considerazione della indisponibilità di sepolture nel Cimitero di Sant’Anna;
- ai sensi dell’art. 17, comma 2 del D.P.R. 327/01 e s.m.i., con nota raccomandata A.R., ha provveduto a comunicare alla S.V. l’approvazione del nuovo progetto definitivo con la conseguente reiterazione della dichiarazione di pubblica utilità e indifferibilità dell’Opera;
- con la predetta comunicazione la S.V. è stata invitata a prendere visione del progetto e della documentazione attestante la dichiarazione di pubblica utilità dell’opera ed a presentare, nei trenta giorni successivi alla data di ricezione, osservazioni scritte ed ogni altro elemento utile per una diversa determinazione del valore da attribuire all’area da espropriare;
- nei termini di legge non sono pervenute osservazioni da parte dei soggetti interessati dalla procedura espropriativa, di cui all’art. 11 comma 2, ultimo capoverso e all’art. 16, comma 10 del D.P.R. 327/01 e s.m.i.;
- per le motivazioni esplicitate nella su richiamata Determina Dirigenziale n. 178/2018, in relazione anche alla particolare natura dell’Opera, sussistono i presupposti per l’applicazione dell’art. 22 bis, co. 1, DPR 327/01 perché sia emanato, senza particolari indagini e formalità, il decreto che determina in via provvisoria l’indennità di espropriazione e che dispone anche l’occupazione anticipata delle aree interessate alla realizzazione dell’Opera, al fine di consentire l’immediata esecuzione dei relativi lavori;
ACCERTATO CHE le aree da espropriare, a favore del Comune di Chieti, con sede legale in Chieti al Corso Marrucino 81, codice fiscale 00098000698, sono classificate come non edificabili e sono in parte coltivate direttamente dai proprietari;
CONSTATATO CHE al fine della determinazione dell’indennità provvisoria sono applicabili i criteri di cui all’art. 45, comma 2 lettera d) del D.P.R. 327/2001 e s.m.i.;
VISTO il piano particellare di esproprio allegato al progetto definitivo approvato con la suddetta Determina Dirigenziale;
RAVVISATA, pertanto, la necessità di emanare, senza particolari indagini e formalità, decreto che determina in via provvisoria l’indennità di espropriazione e che dispone l’occupazione anticipata in via d’urgenza dei beni necessari alla realizzazione dell’opera;
VISTI gli artt. 22 bis, 40 e 45 del T.U. espropri;
DATO ATTO del potere conferito a questa concessionaria dall’art. 19 della convenzione rep. 1378 del 11/06/2015, ai sensi e per gli effetti dall’art. 6, comma 8 del DPR 327/2001;

D E T E R M I N A

- l’indennità, in via provvisoria, di espropriazione delle aree di Sua proprietà, parziale o totale, necessarie alla realizzazione della suddetta Opera, così come indicata per ciascuno dei beni riportati nell’allegato n. 1, parte integrante e sostanziale del presente provvedimento, calcolata in ragione di 3 (tre) volte l’indennità definitiva ex art. 40, co. 3, DPR 327/01, comprensiva della indennità aggiuntiva di cui all’art. 40, co. 4, DPR 327/01, per il proprietario coltivatore diretto o imprenditore agricolo a titolo principale e arrotondata per eccesso;

D E C R E T A

- ai fini dell’intervento pubblico di “realizzazione del nuovo cimitero comunale di Chieti in località Santa Filomena – Strada Ombrosa – Chieti Scalo”, è disposta, a favore del Comune di Chieti, con sede legale in Chieti al Corso Marrucino 81, codice fiscale 00098000698, ai sensi dell’ 22 bis D.P.R. 08.06.2001 n.327, l’occupazione anticipata delle aree interessate, site in Chieti, località Santa Filomena – Strada Ombrosa, riportati, unitamente alla ditta proprietaria ed alla indennità provvisoria di esproprio offerta, nell’ allegato n. 1;
- l’esecuzione del presente provvedimento, ai fini della immissione in possesso, avrà luogo in data 28 maggio 2018 alle ore 10.00, con la relazione del verbale di cui all’art. 24 del DPR 327/01 e s.m.i., che sarà sottoscritto dal legale rappresentante della scrivente, delegata dal Comune di Chieti all’esecuzione della procedura espropriativa;
- ai sensi dell’art. 32, co. 3, D.P.R. 327/01, il proprietario può asportare, a sue spese, i materiali e tutto ciò che può essere tolto dal suolo senza pregiudizio dell’opera da realizzare;
- ove la S.V. intenda accettare l’indennità indicata nell’allegato n. 1, dovrà darne comunicazione alla scrivente entro il termine perentorio di 30 (trenta) giorni decorrenti dalla data di notificazione del presente provvedimento mediante dichiarazione di accettazione e di assenza di diritti di terzi sul bene oggetto di esproprio; a norma dell’art. 20, co.5 del DPR 327/01 tale dichiarazione è irrevocabile;
- qualora la S.V. dichiari di accettare l’indennità offerta, ai sensi dell’art. 20, co. 8 del DPR 327/01, dovrà produrre, entro i successivi 60 giorni, idonea documentazione comprovante, anche mediante attestazione notarile, la piena e libera proprietà del bene; in tale evenienza l’indennità sarà corrisposta entro il termine dei successivi 60 giorni;
- qualora venga condivisa la determinazione della indennità di espropriazione e sia stata depositata la documentazione attestante la piena e libera proprietà del bene, il beneficiario dell'esproprio, il Comune di Chieti e la S.V. stipuleranno l'atto di cessione del bene. Nel caso in cui la S.V., riscossa l’indennità, si rifiuti di stipulare l'atto di cessione del bene, potrà essere emesso senza altre formalità il decreto di esproprio, che dà atto di tali circostanze, salve le conseguenze risarcitorie dell'ingiustificato rifiuto di addivenire alla stipula;
- nel caso la S.V. non condivida l’indennità offerta, nei 30 (trenta) giorni successivi alla immissione in possesso, può presentare osservazioni scritte e depositare documenti ex art. 22 bis, co. 1, DPR 327/01 e, qualora in esito alla valutazione delle osservazioni, permanga l’omesso Accordo sulla determinazione, si procederà a norma dell’art. 21 DPR 327/01;
- ai sensi dell’art. 22 bis, co. 6, DPR 327/01, il presente decreto perde efficacia qualora non venga emanato il decreto di esproprio nel termine di cui all’art. 13 DPR 327/01 o non intervenga cessione volontaria del bene oggetto di occupazione;
- il presente atto sarà notificato ai proprietari nelle forme previste per gli atti processuali civili;
- avverso il presente provvedimento può essere proposto ricorso presso il competente Tribunale Amministrativo Regionale, entro il termine di giorni 60 dalla avvenuta notifica oppure, in via alternativa, ricorso straordinario al Presidente della Repubblica entro 120 giorni.
RENDE NOTO ALTRESI’ CHE
a) Il presente atto viene trasmesso per conoscenza al Responsabile del procedimento del Comune di Chieti;
b) il Responsabile del Procedimento della procedura espropriativa è il Sig. Alfano Gerardo, C/O Parco della Memoria – Chieti Scalo S.r.l., Via P. De Virgiliis, 6 - 66100 Chieti Scalo; PEC: parcodellamemoria@pec.it - tel. 0871.47.80.11 – Fax 0871.47.80.11 / alla risposta opzione 5;
c) il Responsabile del Procedimento per la realizzazione dell’Opera è l’ing. Paolo Intorbida, Responsabile del V Settore LL PP del Comune di Chieti – Via G. Ammendola, 53 ¬- 66100 Chieti;
Si dà atto che un esemplare del presente provvedimento è conservato nella raccolta degli atti ufficiali del Comune di Chieti.
Parco della Memoria – Chieti Scalo S.r.l.
Il Presidente del C.d.a.
Alfano Gerardo


ALLEGATO 1 – Elenco delle aree interessate alla realizzazione dell’Opera per estratto parte di interesse.

 

Atti della procedura espropriativa:

1. Avviso deposito nuovo progetto definitivo in formato PDF (pubblcato il 30/11/2017);

2. Piano Particellare descrittivo di Esproprio allegato al nuovo progetto defintiivo (Elaborato G -7);

3. Particellare grafico di Espropio allegato al nuovo progetto definitivo  (Elaborato G - 8);

4. Avviso avvenuta approvazione nuovo progetto definitivo (pubblicato il 30/03/2018);

5. Determina n. 178 del 01/03/2018 - Aprovazione nuovo progetto definitivo (pubblicato il 30/03/2018);